Recensioni editoriali

Recentemente aggiunti

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

Bacio feroce

“Bacio feroce” senza “La paranza dei bambini” non si può leggere, presi singolarmente forse sono a tratti un po’ pesanti, ma insieme sono una storia stupenda, in grado sia di insegnare sia di emozionare.


Negli occhi di chi guarda

Avete voglia di un gustoso mistero da risolvere, strutturato sul solido schema del giallo all’inglese, ma al contempo raccontato con uno humor tutto italiano, anzi, toscano?


L'alcol e la nostalgia

Enard ha studiato arabo e persiano e ha un’inclinazione diversamente mediterranea, come ben sappiamo. La sua sintesi dello spirito russo è condizionata dalla relativa (ma abnorme) estraneità a quel mondo.


La corte dei leoni

Lo stile dell’autrice è ricco: un tripudio di colori, odori, suoni, aggettivi. Il risultato è perfetto.


Il venditore di metafore

Con lingua ricchissima di parlato, e sangue, e sudore, fortemente identitaria, il protagonista de Il venditore di metafore di Salvatore Niffoi, appena uscito per Giunti, ci trasporta in una Sardegna del mito e della terra, aspra e solida, fiera.


Il turista

Ciò che vi rimarrà alla fine del romanzo, è quella che io credo sia la vera essenza dei romanzi di spionaggio, ovvero la forte sensazione di aver vissuto in prima persona un'avventura straordinaria e pericolosa.


Silenzio elettorale

La morte è ‘di casa’ nei thriller e, però, c’è qualcosa di diverso nel tema della morte del romanzo di Drago Hedl, qualcosa che ne amplia il significato e vi aggiunge una dimensione di profondità.


La strada senza ritorno

Grazie al suo stile ricco di tensione e graffiante ironia, Andrzej Sapkowski regala al lettore un nuovo libro in cui si mescolano magie e avventure, epiche battaglie e spiazzanti colpi di scena, dando vita a un universo affascinante e pericoloso.


Per quieto vivere

Questo romanzo mostra proprio la dinamica di chi usa il web con lo scopo dell’odio e della violenza, mettendo in luce un problema tutto contemporaneo.


La meccanica del cuore

Ha i toni de La Schiuma dei Giorni e le atmosfere dei film di Tim Burton, l’incanto un po’ svagato de Il Favoloso Mondo di Amelie e il dolore dei primi amori de Il Tempo delle Mele.


Il bambino promesso

Massimo, in un racconto a tratti esilarante, assapora il piacere del tempo che scorre piano, l'annullamento dei ritmi frenetici dell'Occidente, il piacere di vivere il presente così come viene.
Il bambino promesso è però prima di tutto un viaggio interiore.


Commedia nera n.1

È a forza di giocare con questi personaggi, e soltanto con loro, che gli autori hanno portato il noir alla proliferazione di una scrittura di maniera. Peccato, perché in fondo, non sarebbe soltanto un genere buono per strali salottieri.


Bacio feroce

“Bacio feroce” ha un incipit violento che quasi ti blocca il respiro. Sembra di entrare in un mondo parallelo dove tutto viaggia a mille e la vita non ha alcun valore.


L'ultimo campo di battaglia

[...]Scarrow ha davvero portato a termine un lavoro incredibile, per dettagli, curiosità, capacità di narrazione (non è affatto scontato una battaglia se solo descritta può apparire noiosa mentre assicuro che leggendo queste pagine l’impressione è di essere a tua volta protagonista di quei fatti) ed empatia.


Il Castello Rackrent

Un memoriale divertente, ironico, a tratti dissacrante, da leggere col sorriso in una giornata di svago.


Il maestro delle ombre

Donato Carrisi è un narratore di razza, ed anche ne Il maestro delle ombre ha saputo imbastire una trama perfetta, fatta di personaggi riusciti, colpi di scena memorabili e sequenze da brivido.


New York è una finestra senza tende

Cognetti non parla di monumenti, ma di atmosfere, di sensazioni. I suoi occhi bucano i palazzi di Brooklyn alla ricerca di quello che non c’è più e che anche quando c’era non era visibile, o forse non interessava a nessuno.


L'inventore di se stesso

Romanzo fortemente veneziano vive della vibrante luce lagunare con l’alternarsi del passato con un presente malinconico, mai tragico eppure addolorato. Quello che per il ligure Italo Calvino era l’ubagu – l’opaco da cui riprendere luce e spazio – qui è il movimento di luce che si rifrange sullo specchio mobile della laguna.


La cosa più bella che ho

"La cosa più bella che ho" è un romanzo emozionante, che tra attentati e vendette, passioni e brama d'avventura non lascia al lettore un attimo di respiro.


Negli occhi di chi guarda

[...] una interessante alternativa rispetto al ben noto ciclo del Bar Lume.
Alternativa che però, con la serie più famosa condivide due tratti fondamentali, dei quali uno ovviamente è la componente gialla, con tanto di omicidio e risoluzione del caso.