Recensioni editoriali

Romanzo / Recentemente aggiunti

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

L'arte ingannevole del gufo

Una lettura bella, piacevole, che scorre in poche ore e ti incastra nel buio della notte, sotto un cielo coperto di stelle, tra l' ipnotico richiamo degli abitanti del bosco e il sussurro degli alberi mossi dal vento.


L'inverno del nostro scontento

Una prosa impeccabile di altissimo livello che trascina inesorabilmente alla riflessione sull'amore, l'amicizia, la famiglia, il lavoro e soprattuto sul valore della correttezza contrapposto al successo sociale.


Heidi

Francesco Muzzopappa ha scritto di personaggi veri che si trovano a fare i conti con delle difficoltà durante la loro vita, ma che non si lasciano mai sopraffare dagli eventi, è un libro che viene voglia di rileggere molte volte sempre pronti a sorridere per lo spirito del suo autore e incantati dalla leggerezza e bellezza della sua scrittura.


Le Case del malcontento

Una Spoon River della 'gnoranza, si potrebbe definire, per quel realismo che ognuno dei molti narratori esprime con la crudezza di una conoscenza cinica, quasi da dipartiti, estranea a ogni diplomazia.


Heidi

Di personaggi perfetti e bellissimi sono pieni i romanzi – e le scatole dei lettori. Quello che oggi il pubblico cerca nei libri, anche se si tratta di opere di fantasia, di storie di finzione, sono caratteri che è possibile sentire vicini, nei quali, in qualche modo, rivedersi. Con Chiara non è difficile entrare in sintonia!


Lune di miele

Lune di miele è un’opera desolante e vitale, umoristica e melodrammatica.


Vacanza d'inverno

MacLaverty si addentra con delicatezza nell’intreccio di sentimenti, abitudini e rancori che tengono in piedi un matrimonio. E pagina dopo pagina crea due personaggi talmente reali che sembra di sentirne i battiti del cuore.


L'orso

Una narrazione originale ed un punto di vista sicuramente poco convenzionale accolgono il lettore all’interno di una storia che fin dalle prime pagine si rivela custode di un tesoro inestimabile: la vita racchiusa tra le sue parole, infatti, riesce ad un primo sguardo, ed oltre, ad intrecciarsi sapientemente con quella del lettore, incatenandole indissolubilmente l’una all’altra, [...].


Gli anni facili

È così bello leggere le pagine di Giovanni Pacchiano ne Gli anni facili. È la Milano di Buzzati. È una milanesità che affiora e ci sorprende nei suoi riferimenti colti.


L'ultima diva dice addio

Un libro dal sapore vintage e malinconico.


L'amore migliora la vita

[...]un romanzo che racconta le miserie quotidiane che ognuno vive, le imperfezioni umane delle persone che ci circondano e che inevitabilmente amiamo.


Melancolia della resistenza

Il testo, denso di allusione e metafore, potrebbe essere percepito anche come un discorso politico che mira a condannare tutte le forme di totalitarismo e un sudbolo ma ben mirato meccanismo di imporre paura e obbedienza.


Vita d'albergo

Quella raccontata in “Vite d’albergo” è una storia che affronta la questione dell’identità. Chi siamo o chi pensiamo di essere? Chi abbiamo deciso di diventare e chi invece avremmo dovuto essere? Perché in fin dei conti pensiamo di conoscerci solo finché camminiamo su un terreno familiare, ma appena messo piede fuori dal nostro habitat le nostre reazioni potrebbero sorprenderci.


Due estati

Attraverso una prosa lirica e magnetica Thomas Williams descrive come meglio non si potrebbe il maschile e il femminile, il trasporto e la malinconia, i diversi punti di vista e le differenti priorità di chi è raggomitolato in un amore. Un’occasione da non lasciarsi assolutamente sfuggire.


Tanti piccoli fuochi

Un po' young adult, un po’ storia famigliare su sfondo sociale, questo è un libro che si legge tutto d'un fiato, che intrattiene ma fa anche pensare, garbato ma pungente nel denunciare perbenismi e ipocrisie di una comunità solo apparentemente perfetta.


La famiglia Wang contro il resto del mondo

Si ride, tanto. E si riflette, ancor più. Sul fatto che sia il denaro sia gli affetti umani non appartengono alla sfera del razionale e del prevedibile.

Macinando miglia e sobborghi nell’America più vera e profonda, Charles Wang e i suoi familiari compiranno il vero viaggio – intimo, pieno di humour e a tratti commovente – dentro le loro anime.


L'esercizio del distacco

In circa centosettanta pagine l’autrice triestina racconta un mondo che è perfetto perché retto da una prosa mai banale, precisa, evocativa e non fumosa; una prosa che tiene conto della misura della poesia, che è il mondo da cui Tolusso arriva e che non dimentica.


Tutta la luce del campo aperto

Per la prima volta in Italia arriva Francisco Ovando: e la reazione che si ha leggendolo è di pura esultanza. Perché, anche se non si tratta certo di una prosa facile, semplice, lineare, rassicurante, in realtà è proprio per il suo essere altra, insolita, nuova, esotica, imparagonabile [...].


Una specie di vento

Marco Archetti ha restituito la vita, quindi la speranza, ha restituito una forma e una complessità, alle vittime di allora, e ai testimoni, al sopravvissuto che si vergogna di essere sopravvissuto. Archetti ha scritto un romanzo, non una biografia della strage, e ha cantato la vita invece della morte.


Anni lenti

Il secondo romanzo tradotto in Italia dell’autore di Patria, l’acclamato, a ragione, best seller dello scorso natale, permette di porsi diverse domande sulla natura della letteratura, anche se dire diverse è esagerato, diciamo una, fondamentale, domanda, ovvero se chi scrive scrive solo per sé o scrive per tutti, ovvero la domanda consiste nel chiedersi se la letteratura abbia una funzione universale o particolare.