Recensioni editoriali

Thrillers / Recentemente aggiunti

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

No exit

Se siete alla ricerca di un thriller che vi appassioni, siete davanti al libro giusto: notti insonni assicurate, ma dovete essere disposti a sopportare anche un po’ di violenza perché non ce n’è poca in questo romanzo.


331 metri al secondo

[...]un noir dal linguaggio frenetico destinato a piacere a molti.


Sotto il sole di mezzanotte

La storia che Higashino descrive in quasi settecento pagine è piuttosto complessa, i personaggi descritti con nome e cognome rischiano di confondermi e l’ispettore Sasagaki, che indaga sul delitto, compare e scompare come una figura secondaria. Ma è tutta un’illusione ottica, perché la sua presenza si sente comunque, come un occhio che guarda attraverso una serratura.


Dove c'è fumo

D'altronde cosa cerchiamo noi lettori da un thriller se non quel brivido sulla schiena che non ci abbandona maifino al sopraggiungere di una sorprendente curva a gomito? In questo Beckett ha fatto centro e sa il fatto suo, senza dubbio!


No exit

NO EXIT è un thriller dove a ogni pagina la tensione sale. Darby è posta dinnanzi a una miriade di scelte, con un tempo di riflessione sempre minore. Non c'è abbastanza spazio per i pensieri, bisogna solo agire, e seguire il proprio istinto di sopravvivenza.


La coppia del numero 9

Le vicende sono raccontate dal punto di vista di Sara e il suo personaggio è davvero ben delineato. Grazie a lei scopriamo come si vive nell’ombra di qualcun altro per compiacerlo, viviamo il suo stesso tormento nell’attesa di un apprezzamento da parte degli amici, di un loro sorriso, di un abbraccio.


Il codice perduto dei massoni

Davvero un thriller storico da non perdere: rimarrete incollati alle pagine finché non arriverete alla parola fine per tirare finalmente un sospiro di sollievo.


Non fare domande

I libri di Sophie Hannah sono come un buon vino rosso pregiato. Non puoi semplicemente aprirlo e berlo, magari in bicchieri di plastica. Devi lasciarlo respirare, decantare e assaporarlo permettendo alle papille gustative e all’olfatto di vivere un’esperienza mistica.


331 metri al secondo

Rosanna Rubino nelle pagine di questo particolarissimo giallo urbano è come se dicesse ai lettori: abbandonate tutto quello che sapete fino a oggi di Milano e seguitemi in una città talmente inedita da sembrare fumettistica, tra cantieri da metropoli del terzo millennio e periferie desolate, viste su aree lontane e tute da operai.


Terra di sangue

Trasuda intimità verso quell’ecosistema complesso a 900 chilometri da Città del Capo, sia per l’arido contesto selvaggio del veld (sabbia rossa, crateghi, alberi nani, rocce di dolerite nera, miniere di ferro e manganese, leoni del deserto, babbuini ammaestrabili) sia per il mosaico etnico non solo del post-apartheid (boscimani, Griqua, meticci, ognuno con relative lingue e riti).


Non sfidarmi

Forse più spy-story da post guerra fredda, che thriller investigativo con vittima e assassino, ma tutto si gioca su una caccia all’ uomo in una Germania piena di rigurgiti xenofobi e neo nazisti.


Terra di sangue

Speciale la descrizione dei paesaggi, speciali gli squarci di storia che ci rivelano, speciali anche i personaggi che avvertiamo come diversi perché ognuno di noi è il prodotto della Storia che ha foggiato un paese. Per questo “Terra di sangue” è una lettura diversa e intrigante.


Il lupo in inverno

Connolly non si smentisce e la storia che prende piede a Prosperous, una strana e perfetta cittadina del Maine, è sorprendentemente molto originale, capace di superare qualsiasi aspettativa del lettore.


Terra di sangue

Le oltre cinquecento imponenti e fragili pagine di questo romanzo sono incredibilmente leggere e pesanti allo stesso tempo e scorrono veloci immergendo il lettore in atmosfere davvero incantevoli e lontane, probabilmente sconosciute a molti, ma innegabilmente affascinanti per chiunque si accosti a conoscere Sara e la sua terra.


Il mistero dell'isola di ghiaccio

La particolarità di questo thriller sta nella mancanza di un vero e proprio protagonista: ogni personaggio introdotto nella storia svolge un ruolo importante, un ruolo chiave che stravolge la situazione creando una serie di dubbi nel lettore che, a volte, preso dall’azione frenetica della narrazione, pensa di aver perso qualche passaggio fondamentale.


Urla nel silenzio

Le scene prendono vita sulla pagina, sembra di entrare in una realtà parallela in cui colori e forme nascono dalla carta e scorrono attraverso la mente del lettore.


Il segno della croce

Gli appassionati troveranno comunque in questo libro una variazione sul tema che amano, gli altri un piacevole intrattenimento pop.


La bibliotecaria

Dimostra, come alcune delle migliori autrici di altri tempi che, spesso, non servono troppe parole per raccontare alcune vicende, ma è la qualità della trama a decidere il risultato.


Codice Lumière

Tutte le storie di Codice Lumière finiscono per convergere in una trama serratissima e costruita per non lasciare al lettore altra scelta che divorare le pagine fino al travolgente finale. Un finale che sembra il commiato più giusto, meditato dall’autore per suggellare una trilogia pensata e realizzata finemente in ogni sua parte.


Maledizione Caravaggio

Ancora una volta l'autrice saprà conquistarvi e tenervi incollati alle pagine che scorreranno rapidamente sotto i votri occhi curiosi.