Recensioni editoriali

Recentemente aggiunti

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

L'assassino non sa scrivere

L’assassino non sa scrivere, cioè il nuovo romanzo di Stefano Piedimonte, regalerà dunque al lettore tutti i piaceri che un libro giallo/noir deve garantire, ma anche qualcosa di più. Perché Piedimonte, in coerenza col suo percorso segnato finora soprattutto dai due romanzi del ciclo dello «Zio», fa anche qui ampio uso della sua cifra naturale, quella ironica.


Niceville. La resa dei conti

Non appartiene di certo al classico thriller, ma dell’horror ha alcune componenti che non tolgono massicce dosi di sano umorismo.


House of Cards 2 Scacco al re

“House of cards 2” è un manuale politico che ogni cittadino/elettore dovrebbe leggere per comprendere che tra idealismo e fare concretamente politica a qualsiasi latitudine, esiste una chiara e profonda differenza e se ne dovrebbe ricordare all’interno della cabina al momento del voto.


So dove sei

So dove sei è in piena regola un romanzo sullo stalking che a tratti potrebbe ricordare Nell'angolo più buio di Elizabeth Haynes.


Guerriere

Sì, è un libro serio sulla maternità e le sue insidie, ma è anche una scusa per raccontare una serie di peripezie con una penna ironica e divertente.


Verso nord

Se la vera forza narrativa di Pia de Jong è quella di essere riuscita a incastrare viaggio, avventura e psicologia, alla lunga, la sfida che ha vinto è quella di averci dato un gioiello di autofiction, con le sue narrazioni oblique e la sua lingua sempre sorvegliata che incastra intelligentemente immagini di una splendida Olanda libera dei primi anni Settanta, [...].


Volevo solo averti accanto

Il potere di questo libro è davvero forte. Ti trascina alla scoperta di quello che nessuno avrebbe mai potuto immaginare, ti prende per mano e dopo una piacevole passeggiata durante la quale ti ha raccontato una storia, ti porta dritto dritto sulle montagne russe, dove una forza centripeta ti attira a sé: è la ricerca della verità.


Io e Mittee

[...]lo stile di Daphne Rooke è totalmente piatto: allinea i fatti senza mai attribuire ai suoi personaggi qualcosa di più che capricci, azioni istintive e non ponderate. Verso la fine, la guerra tra olandesi e inglesi distoglie l'autrice dal minuetto amoroso dei suoi rozzi personaggi e l'interesse del romanzo cresce leggermente.


Tutto sarebbe tornato a posto

La fragilità dell’essere emerge in tutta la sua forza in uno stile di scrittura secco, a volte tagliente, ridotto spesso all’essenziale tanto da richiedere uno sforzo di attenzione per ricostruirne il senso, per interpretarlo, per cogliere il messaggio dell’autore.


Un'occasione per Rachel

Indimenticabile lo stile dell'autore, un'ironia e una leggerezza notevoli. Una penna soffice che racconta ed emoziona.


Dannati

[...]una storia che sembra scritta da Dan Brown-pre Codice Da Vinci, da Andrea Frediani e con qualche colpo di inventiva inserito da Cooper.


La misura della felicità

La storia è carina, tenera e scorre via abbastanza velocemente, senza infamia e senza lode.


Come fossi solo

Il fatto che il romanzo sia narrato in prima persona, me che siano ben tre le voci narranti, a volte può spiazzare, però permette a chi legge di diventare a sua volta quarta voce che osserva quanto accade e prova a porsi delle domande.


Confessioni di una vittima dello shopping

Peccato che l’edizione italiana abbia scelto un titolo che rispetto all’originale My beautiful shadow fa pensare a una commediola chick-lit. Il romanzo di Radhika Jha è invece adulto e malinconico, un feroce e insieme leggerissimo apologo sulla bellezza e lo scontro violento tra identità e la tentazione di sperdersi e riposare nella meraviglia del lusso inutile e globalizzato.


Cairo Automobile Club
ArabPress : Cairo Automobile Club (26 Settembre 2014)

Più che mai impegnato e umanista, ‘Ala al-Aswani riprende i racconti popolari e i colori sgargianti dell’irresistibile Palazzo Yacoubian e indica instancabilmente l’unica via giusta per il suo paese: una democrazia egiziana da costruire.


Un conto aperto con la morte

Sempre con un’irrinunciabile Genova a fare da scenario, squisitamente colto, avvalendosi in sottofondo delle cupe note del Confutatis del Requiem di Mozart e di quelle squillanti di Händel, Morchio sfodera la sua zampata da «scrutacervelli esperto nel settore» [...].


Agnes
Mescalina : Christian Verzeletti (30 Settembre 2014)

La scrittura di Peter Stamm è piuttosto anonima, accenna caratteri e spunti interessanti come il rapporto culturale tra Europa (il protagonista è svizzero) e Stati Uniti (lei è di Chicago), ma non va a fondo, lasciando galleggiare le immagini su una superficie incerta in cui gli stessi personaggi vivono, vittime di un'incertezza troppo comune.


Adesso abbracciami, Brasile!

L’ex vicedirettore di Tuttosport, direttore di La7 Sport e dei Nuovi Programmi di Sky Sport trasmette al lettore una saudade per il Brasile e nello stesso tempo riesce a toccare tematiche attuali, che possono aiutare a leggere con uno sguardo diverso il gigante sudamericano.


Un animo d'inverno

Continue, inutili ripetizioni. Altre trenta pagine di Russia, Siberia, orfanotrofio Potrovka n.2 e Tatiana e avrei preso il muro a testate.


Il libro delle verità nascoste

Una storia che ha diverse chiavi di lettura, passato e presente, ricordi e rimpianti, amore e odio, mistero e un pizzico di suspense, una piacevole lettura rimarcata quando fuori il tempo è plumbeo e pieno di nubi in procinto di svuotarsi.