Recensioni editoriali

Recentemente aggiunti

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

La dea delle piccole vittorie

[...] tutti dovrebbero essere interessati in generale a sapere qualcosa di più della vita e delle opere di quello che viene considerato il più grande logico della storia, insieme ad Aristotele. E anche un romanzo può servire ad avvicinarsi all’una e alle altre, come primo passo verso una conoscenza più approfondita che, passando attraverso biografie e saggi, dovrebbe idealmente sfociare nella lettura diretta di alcune delle sue opere.


Le due vie del destino - The railway man

Il libro narra la lotta di Eric Lomax per uscire dalla spirale dell’odio e riconciliarsi con il suo passato e i suoi torturatori. Un’operazione che gli riuscirà solo in tarda età, grazie al sostegno della moglie Patti e a un incontro davvero eccezionale.
Una storia da leggere, per capire i mali della guerra e il dolore delle vittime.


Da quando sei scomparsa

Si tratta di un romanzo leggibile, che non indugia in dialoghi o descrizioni oziose come spesso accade agli esordienti. E’ un peccato che la trama sia piuttosto fragile e che le motivazioni di alcuni dei protagonisti siano poco credibili.


L'amante di Calcutta

Una storia d'amore e di libertà, la volontà di non sottostare al sistema delle caste e della colonizzazione, un personaggio femminile che entra con facilità nel cuore di chi legge, rendono "L'amante di Calcutta" un romanzo molto interessante.


Copia-e-incolla

Si ride (a volte con un pizzico di amarezza) e non ci si annoia mai con i romanzi di Danny Wallace. Il trentottenne autore di origine scozzese sa guardare un profondità in una generazione precaria anche nei sentimenti. E trasforma la mancanza di punti di riferimento in un gioco che per chi legge è davvero seducente.


A bocca chiusa

L’autore ci conduce in una spirale sempre più stretta, con una narrazione semplice che tuttavia ama indugiare su immagini forti e metaforiche, per calcare la mano dove serve, qualche volta andando forse in contrasto con la coerenza della voce narrante del bambino, in certi casi un po’ troppo adulta nel suo lessico volutamente violento e ripugnante.


La ragazza del 6E

Pur senza rivelare particolari della trama, va detto che un romanzo come questo, che ha i pregi di essere adrenalinico al punto da essere letto quasi d'un fiato e di saper trattare un simile argomento senza minimamente cadere nella pornografia, avrebbe meritato un finale più originale [...].


La ragazza del 6E

La Ragazza del 6E non è semplicemente un romanzo erotico, ma un mix perfetto tra mistero, passione, crimine e lussuria. Un thriller senza veli.


La misura della felicità

[...]chi, come me, ama i libri, ama lasciarsi incuriosire e appassionare dalle storie e dai loro personaggi, non può non leggere questo libro, non può non rivedere una parte di sé nella passione e nella dolcezza di cui queste pagine sono intrise.


La misura della felicità

Il romanzo segue il filone di Firmin e Storie di una ladra di libri , ovvero quei 'libri sui libri' che sanno creare un'atmosfera nostalgica che colpisce nel segno il pubblico degli amanti della letteratura e del libro come oggetto di culto.


Il mercante di libri maledetti

Il mercante di libri maledetti rappresenta l'esordio narrativo di un archeologo-bibliotecario che ha saputo raccogliere queste sue competenze e creare una vicenda avventurosa, credibile ed enigmatica, oltre che storicamente ben determinata, [...].


Le mie fiabe africane

Le mie fiabe africane è un libro che non può mancare nella vostra personale biblioteca, che dovete avere, che dovete leggere per voi e per i vostri figli o i vostri nipoti; un libro che racchiude una cultura che merita di essere tramandata e conosciuta, perché ricca di insegnamenti puri e semplici che nella nostra frenetica corsa verso il progresso ci siamo da tempo lasciati alle spalle.


Il corpo della vita

Il corpo della vita, s’inscrive nel genere ideale dei “romanzi ospedalieri”, delle storie da corsia, [...]. In ognuno di essi c’è uno sguardo dall’aldiqua, da un purgatorio vissuto non solo come un corridoio, ma come una lente per capire ciò che oltre quella linea ci sembra quasi invisibile.


Agonia della Francia

Agonia della Francia, oltre che un grande libro di storia, scritta sul tamburo, mentre gli eventi incalzano, è anche una potente riflessione sull'età delle dittature, sul fascino che duci, führer, conducator e padri dei popoli, durante il secolo breve, esercitarono sui popoli.


Dentro c'è una strada per Parigi

Dentro c’è una strada per Parigi è un libro prezioso, composto, e come avrebbe detto Jeff Buckley dotato di grace quell’evanescente stato che a volte raggiunge gli oggetti, racchiuso dalla parola, “aggraziato”.


2041

Narrazione impersonale e noiosa. Una distopia fantapolitica spiegata malissimo: [...].


2041

L’autore, David Becchetti, ha rivisitato il famoso romanzo 1984 dello scrittore inglese George Orwell, adattandolo alla realtà italiana e alla sensibilità contemporanea. Nonostante il confronto con un’opera così famosa e importante potrebbe sembrare un rischio, Becchetti riesce nell’intento di riattualizzare un classico della letteratura, comprendendone l’essenza.


L'illusione della separatezza

Chi al contrario crede ancora alla letteratura come luogo privilegiato della sperimentazione inguistica, a una prosa che sconfina spesso nella poesia e batte ogni pista per cercare il senso nascosto del nostro stare al mondo, amerà invece, e molto, questo romanzo.


L'illusione della separatezza

“L’illusione della separatezza” è un romanzo struggente, emozionante ed elegante; è vera poesia in prosa.
E’ un libro da leggere, sottolineare e rileggere per non dimenticarne frasi e passaggi di infinita bellezza.


Camminare

Curioso il titolo e l’intento dello scrittore norvegese che con le parole intesse le lodi del camminare, ma altrettanto arduo il fine di questo libro: avvicinare un’attività contemplativa e sedentaria come la scrittura con il senso di libertà e leggerezza del trekking.