Recensioni editoriali

Recentemente aggiunti / Questo mese

Ordina

Recentemente aggiunti

Data di pubblicazione

 

Periodo

Sempre

Questo mese

Questa settimana

 

Categories

Tutto

Romanzo

Polizieschi & Mistery

Thrillers

Fantasy

Fantascienza

Biografie & Autobiografie

No exit

Se siete alla ricerca di un thriller che vi appassioni, siete davanti al libro giusto: notti insonni assicurate, ma dovete essere disposti a sopportare anche un po’ di violenza perché non ce n’è poca in questo romanzo.


Miliardario a cinque stelle

La trama di questo romanzo si può a volte immaginare, ma l’autore si diverte a depistare e a prendere le distanze dai luoghi comuni: quello che potrebbe sembrare un manuale di rovina e vendetta per la piena affermazione di sé, ha anche una struttura delicata che diventa esempio di storie di fiducia ritrovata e un invito a credere nella possibilità dell’amore.


Le parole nell'aria

Le parole nell’aria di Bernie Mcgill è un romanzo di estrema sensibilità, in cui la penna delicata dell’autrice porta il lettore in un viaggio mistico verso le meravigliose coste irlandesi e in cui ognuno di voi si lascerà cullare dalle stesse onde che trasportano le parole da una parte all’altra del continente.


Il cielo di Singapore

La vita di tre donne ruota attorno a un film da brividi. Ma è il grande porto dell’Asia a fare più paura nell'esordio di Sharlene Teo "Il cielo di Singapore". Che tra distopie e linguaggi social esercita una certa magia (nera).


Il sogno della macchina da cucire

Come nei feuilletton tanto in voga in quell’epoca, le sartine erano ragazze che rischiavano di “cadere”, ma sono state anche tra le prime donne a conquistarsi uno spazio e un’autonomia nella società maschilista del tempo. E hanno ancora qualcosa da insegnarci.


La buia discesa di Elizabeth Frankenstein

La storia, nel complesso, è intrigante ed appassionante. Nonostante l’inizio un po’ lento, probabilmente perché introduttivo, quando la storia ingrana, diventa in fretta emozionante ed anche abbastanza inquietante.


L'uomo di Calcutta
MilanoNera : L’uomo di Calcutta (13 Settembre 2018)

L’uomo di Calcutta è un ottimo esordio. Un giallo gustoso che è reso unico e diverso dall’ammaliante scenario in cui si svolge e da un protagonista affascinante.


Cambio di rotta

Cambio di rotta non ha nulla a che vedere con la famiglia Cazalet, né per la narrazione né per l’ambientazione, ma ha lo stesso potere trascinante che la Howard è riuscita a imprimere nelle sue parole.


Io odio Internet

Io odio Internet è un romanzo geniale. Coinvolge il lettore sin dalle prime pagine, non solo per il racconto in sé ma soprattutto per la maestria con la quale l’autore sviluppa la vicenda.


331 metri al secondo

[...]un noir dal linguaggio frenetico destinato a piacere a molti.


Dai tuoi occhi solamente

Dai tuoi occhi solamente, il cui titolo cita una poesia di Pedro Salinas, invita con gentilezza il mito di Vivian Maier a lasciare il suo comodo rifugio nelle retrovie. A imparare a sorridere un po', prima del flash, davanti alla nuova consapevolezza che esista un mondo non senza simmetrie, non senza speranza, dall'altra parte dell'obiettivo.


Sotto il sole di mezzanotte

La storia che Higashino descrive in quasi settecento pagine è piuttosto complessa, i personaggi descritti con nome e cognome rischiano di confondermi e l’ispettore Sasagaki, che indaga sul delitto, compare e scompare come una figura secondaria. Ma è tutta un’illusione ottica, perché la sua presenza si sente comunque, come un occhio che guarda attraverso una serratura.


Il menu

Un libro che non può che far trovare d’accordo le persone che vedono il degrado attuale dei giornali che ormai hanno fatto del gossip il loro mestiere, o che fanno fatica a tenere la TV accesa trovando l’apporto culturale fornito equivalente ad una stufa accesa nella stanza.


E poi la sete

[...]un ottimo esempio di narrativa d’anticipazione made in Italy (e senz’altro interessante anche per un pubblico internazionale, qualora il lavoro riuscisse a varcate i confini del nostro mercato editoriale).


Dove c'è fumo

D'altronde cosa cerchiamo noi lettori da un thriller se non quel brivido sulla schiena che non ci abbandona maifino al sopraggiungere di una sorprendente curva a gomito? In questo Beckett ha fatto centro e sa il fatto suo, senza dubbio!


Dove mi trovo

È una ricerca di identità incessante, un continuo guardarsi agire, come da fuori, e domandarsi, vedendosi cercarsi, pensarsi nella relazioni con luoghi fatti propri e, non trovandosi più, spaventarsi, intuire ombre, ancora cercare di indagarsi, infine capirsi e capire così dove ci si trova.


No exit

NO EXIT è un thriller dove a ogni pagina la tensione sale. Darby è posta dinnanzi a una miriade di scelte, con un tempo di riflessione sempre minore. Non c'è abbastanza spazio per i pensieri, bisogna solo agire, e seguire il proprio istinto di sopravvivenza.


Gli ultimi passi del Sindacone

Non aspettatevi grandi colpi di scena o delitti efferati: sono proprio la naturalezza e la semplicità del racconto a catturare l’attenzione del lettore.


L’astore

Raramente ho letto libri toccanti, laceranti e profondi come L’astore di T.H. White. Questo romanzo – un diario sentimentale raccontato con una lingua lirica e impeccabile – è la cronaca di un’avventura impossibile: tentare di addomesticare il più selvaggio e inafferrabile dei rapaci, il più libero e testardo della famiglia dei falchi [...].


L'ultima regina di Firenze

Per capire L'ultima regina di Firenze bisogna, molto banalmente, imparare il ritmo di Scarlini, che è sempre sincopato, rapido e scattante, di non facile lettura certo, ma quando lo si comprende al meglio si entra in un vero e proprio caravanserraglio di corpi, volti, mani e svariate parti anatomiche in serie che popolavano la Firenze di allora.